Home  /  Progetti   /  COME DARE NUOVA VITA AI MOBILI ANNI ’90 (IN PARTICOLARE A QUELLI IN CILIEGIO)

Progetto: Restyling di living e camera da letto

Luogo: centro di Parma

Budget: 22.000,00 € (iva compresa)

Del resto si sa, la moda è una ruota che gira! Lo è nel fashion ma lo è anche anche nel mondo dell’arredamento. Tutto prima o poi va, ma magari torna. Di certo c’è che l’unica cosa che resta sono gli oggetti di valore (con buona pace per molti pezzi Ikea). Quindi… perché sacrificare mobili di qualità, ben fatti, per i quali magari un tempo abbiamo anche investito, in nome di una se pur legittima, ma a volte indiscriminante, voglia di rinnovare gli spazi della casa?

Caterina, quando ha deciso di chiamarci, ci ha chiesto di aiutarla a dare nuova immagine alla propria casa, di aiutarla a trovare lo spazio giusto per le esigenze sue, del marito e del figlio ormai grande, ma nello stesso tempo di mantenere alcuni pezzi di valore: un tavolo, un armadio, un letto e un comodino tutti rigorosamente anni novanta, tutti rigorosamente in ciliegio.

Il tema non era per niente facile, dal momento che il gusto di oggi ha recuperato il vintage degli anni cinquanta/sessanta/settanta ma non un arredo che ha quindici/venti anni (età critica, per oggetti che non trasmettono più l’euforia del contemporaneo ma non hanno ancora acquisito il fascino della storia).

Il ciliegio infatti è una essenza legno dal colore caldo (sul biondo-rosso) molto in voga qualche decade fa e nonostante quelli di Caterina fossero arredi di qualità e firmati da grandi aziende del made in Italy, in effetti, necessitavano di essere messi in risalto in modo appropriato.

Il nostro compito era quindi quello di trasformare due ambienti: il soggiorno/pranzo e la camera da letto matrimoniale.

Partendo quindi da alcuni concetti base quali:

  • far risaltare il colore caldo del ciliegio usando a contrasto colori freddi
  • mettere in luce la texture del pavimento, fatto di piastrelline esagonali con un delicato disegno bianco e grigio
  • prediligere colori chiari alle pareti del soggiorno dove la luce naturale risultava scarsa
  • dare risposta puntuale a richieste di spazio e trovare arredi per specifiche esigenze (seggioline per il pranzo con braccioli, poltrone comode per guardare la TV e per fare a maglia, trovare posto per molti, amatissimi libri!)

Dopo un attento e condiviso lavoro con la Committenza, la soluzione a tutte le richieste di Caterina hanno trovato unica e completa risposta in entrambi gli ambienti.

SOGGIORNO-PRANZO

Ecco come si presentava il living con zona TV e il pranzo PRIMA del nostro intervento

            

Ed ecco invece come si presenta oggi, DOPO il nostro intervento.

Attraverso l’uso del cartongesso, già presente in parte nello spazio principale, abbiamo creato un portale di ingresso che avesse la doppia funzione: la prima è quella di aumentare la privacy di chi sta in soggiorno rispetto a chi entra dalla porta principale, la seconda di contenere in parte i numerosi libri di casa (una delle passioni di Caterina!)

Inoltre abbiamo ‘pulito’ il disegno del soffitto (dal quale sbucavano in parte 2 travi in legno) applicando un piano di cartongesso a sfioro sotto le travi che nascondono 2 strisce led illuminanti il piano soffitto.

L’essenza in ciliegio del mobile a vetrina (già incassato in una struttura in cartongesso) e il tavolo di proprietà sono stati messi in risalto attraverso 2 elementi principali: una madia su misura (realizzata su nostro disegno in ferro e ciliegio) e  l’applicazione di una carte da parati ad immagine unica e dai colori freddi.

La madia, realizzata su nostro progetto, ha una struttura esterna in ciliegio e una struttura interna in lame di ferro brunito, utilizzata sia come appoggio per la TV, per il lettore Sky e gli altri device elettronici, sia per contenere parte dei libri di casa.

Infine, ma non per ultimo, abbiamo recuperato un vecchio letto a barca di proprietà della famiglia di Cristina e lo abbiamo fatto rifoderare con una stoffa dalla fantasia geometrica. Bellissimo il contrasto del noce antico con la grafica in bianco-nero! Appesi al muro, alcune disegni a corboncino con architetture di Mantova realizzate molti anni fa dal papà di Caterina.

CAMERA DA LETTO MATRIMONIALE

Ecco come si presentava la camera da letto matrimoniale PRIMA del nostro intervento.

Il problema principale, come è evidente, era poter dare spazio alle funzioni principali alle quali era adibita la stanza: il riposo, il contenimento di libri e di vestiti. Il letto e il comodino, come dicevamo, erano già di proprietà e una delle principali richieste era appunto quello di mantenerli. Inoltre i libri erano tantissimi, e nella casa non saremmo riusciti a trovare altra collocazione.

La nostra proposta è stata questa: girare il letto appoggiando la testata alla parete principale e realizzare una libreria in ciliegio in armonia con gli altri pezzi della casa, fatto su misura e ‘a ponte’ sul letto. In questa stanza, la più luminosa della casa, ci siamo permessi di mettere in risalto le tonalità accese del legno di ciliegio tinteggiando solo la parete di fondo con un grigio freddo, in tonalità con il motivo delle piastrelline esagonali del pavimento, capace di prendere sfum,ature diverse a secondo della luce naturale che entra abbondante dalle finestre vicine. Ecco come si presenta DOPO il nostro intervento.

All’interno della camera, è stato creato anche una cabina armadio ad angolo.

SM

Nessun commento

LEAVE A COMMENT